Per un allineamento di pianeti, oggi mi sono visto Biancaneve e il cacciatore.
Devo dire che sono molto contento di averlo fatto.
Per farvi capire il mio livello di gioia mentre guardavo il film, ho cercato su internet una diapositiva che illustrasse tutta la mia felicità:

Ti prego, riguardiamo quella scena che era bellissima.
La storia la sapete tutti, Biancaneve è bellissima, la matrigna è cattiva e la vuole morta.
Manda un cacciatore al suo inseguimento per prenderle il cuore, ma il cacciatore decide di aiutarla, scappano nel bosco dove incontrano un troll (eh?).
Sopravvissuti, inseguiti, incontrano i nani che li portano dal re della foresta delle fate (cosa??), un cervo (no, ma scherzi?): una scena molto innovativa devo dire.

Qualcuno mi ha chiamato?
Gli altri cacciatori li incalzano, loro fuggono ancora, ma la matrigna, travestita, dona la mela che fa piombare Biancaneve nel sonno.
Per fortuna il cacciatore (WTF?) la risveglia con un bacio e lei può guidare l'esercito (ok ci rinuncio) contro la strega malvagia.
Diciamo che la storia di Biancaneve me la ricordavo diversa, però avere Thor nel cast è costoso, quindi bisogna fargli fare qualche mossa figa con le asce.
Anche perché non si può fargli fare molto altro (se lo sentiste in originale, capireste che il piatto preferito di Hemsworth sono le parole, dato che ne mangia a manciate mentre parla).
Ma Hemsworth non è nulla in confronto alla protagonista, la sola e unica Kristen Stewart (quella del film con i vampiri eco-sostenibili che si illuminano al sole).

Ora, se vivete sull'Internet, saprete che sulle espressioni facciali di Kristen Stewart esistono dozzilioni (misura di cui esiste una barra campione in platino-iridio conservata a Sévres) di immagini divertenti.
Per dovere di cronaca:





Io però vorrei porre l'attenzione su un altro aspetto.
Kristen Stewart interpreta Biancaneve, ok?
Mentre la matrigna la interpreta Charlize Theron:


Ora, è chiaro che se anche uno avesse avuto dei dubbi all'inizio, questo è per forza un film fantasy.
Perchè ci vuole davvero fantasia, mio caro specchio delle brame, a dire che la Stewart è la più bella del reame.
Andiamo dai.

La Stewart mentre è alla festa delle medie
E poi diciamolo, al di là dell'ovvia bellezza (Epistassiometro™ level per la Theron: over 9000), la Theron porta avanti il film. Da sola.
Se montassimo il film con le sue sole scene avremmo un favoloso monologo sulla pazzia di una donna ossessionata dalla vecchiaia e dall'abbandono.
Purtroppo non è così e ci troviamo con un film mediocre, anche se con qualche scena d'azione godibile.
Menzione speciale agli effetti speciali, davvero pregevoli in alcune scene (bellissimo lo specchio e i corvi), ma non bastano a rendere il film degno di essere ricordato.
Giudizio finale: non lasciare più scegliere ad altri i film.

C'è però da dire un'ultima cosa.
Questo film diventa molto bello, ma molto moltissimo, soprattutto se paragonato all'ALTRO film di Biancaneve, quello che era uscito più o meno nello stesso periodo.
Avete presente? Nemmeno io, ma poi mi hanno fatto rivedere il trailer:



L'unica cosa che mi viene da dire è:


Morale della favola, bambini: per quanto uno sceneggiatore di Hollywood possa scrivere qualcosa di brutto, c'è sempre qualcuno che scrive peggio.

Posta un commento

 
Top