La notizia della settimana (più o meno, se siete interessati a queste cose) è la Nintendo 2DS.
In pratica è uguale alla 3DS, ma senza il 3D.
Quindi a pensarci, sarebbe la DSi.
Per cui Nintendo ha dismesso la DSi per creare la 3DS e, dopo qualche anno, fare un passo indietro, ma con un nuovo nome e un design per certi versi retrò.

Una console dentro una console dentro un'altra console... INCEPTION
Il mercato del gioco portatile si sta muovendo ormai verso tablet e smartphone: la manovra di Nintendo sembra quasi miope a pensarci.
Non penso che le esclusive della console possano rinverdire le vendite di un mercato che sta morendo a favore di dispositivi in grado di fare molte più cose.
Certo è che il prezzo è basso e per Natale potrebbe essere un incentivo.

Personalmente penso potrebbe avere altri utilizzi.

Per dire...


Posta un commento

  1. Ho idea che Nintendo per rissolevarsi da questa situazione debba smettere di produrre hardware e concentrarsi solo su software, i soldi risparmiati per "Ricerca e sviluppo" ambito hardware, possano essere destinati a produrre nuove IP per non aver sempre e solo gli stessi nomi. Devono adattarsi al mercato e il WiiU a breve riempirà solo i magazzini dei negozi.

    Io un mario per smartphone me lo prenderei ben volentieri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andare ANCHE su altri mercati non sarebbe male, ma togliere definitivamente l'hardware la vedo dura. Sicuramente non in tempi brevi.

      Zelda, Metroid, Mario, Pokemon su iOS o Android, not bad.

      Elimina
    2. Non devono andare su altri mercati ma scegliere cosa fare, Hardware (ma fai qualcosa superiore ai concorrenti) oppure punti tutto al Software per rifarti immagine e soldi, poi in un futuro vedi se rientrare nel mercato Hardware.
      Le console portatili sono destinate a morire nel giro di un paio di anni e il WiiU è inutile se confrontato alle console rivali, solo le grandi e famose Ip tengono in vita Nintendo in questo momento.

      Elimina

 
Top