Gran parte di questi due giorni l'ho passata a pensare a quale argomento utilizzare per il prossimo post.
Ammetto di aver pensato molto a scrivere di Steam OS, Steam Machines o del nuovo pad di Valve: poi mi sono accorto che non me ne importa una cippa e che la notizia è vecchia di due settimane.
Grazie Valve, ma di un'altra console non so che farmene.

Avrei potuto continuare il romanzo a puntate o proseguire nel mega elencone amarcord degli anni '90, qualcuno di voi potrà obiettare.
Avreste anche ragione, ma se vi scrivessi tutto subito, poi vi mettereste l'animo in pace e non leggereste più (che già il fatto che vi sorbite volontariamente questi sproloqui, vi rende tutti bellissimi ai miei occhi indegni).

Mi sono così voltato e ho cercato ispirazione nella libreria. Magari per suggerirvi qualche libro o qualche fumetto di quellicheproprioguardasenonlolegginiente.
Mi sono accorto invece di una cosa terribile. Una cosa che è sempre stata lì ma non l'ho mai notata.
E no, non mi riferisco al fatto che gli scaffali e la libreria si stiano stortando per il peso (che comunque è qualcosa di davvero notevole e preoccupante).

No miei cari amici e amicie (ah-ah), mi sono accorto di essere un collezionista.
E non solo di due di picche e figure di mer..curio.

Questa è una delle mie preferite...
No, io colleziono fumetti e film.
Che se facessi il calcolo di quanto ho speso in totale, probabilmente oggi potrei governare il Brunei. O l'Italia, che tanto ha lo stesso PIL e te la compri facile.
Come potrei resistere al cofanetto a forma di bara che contiene i film dei mostri classici della Universal?
Per esempio un film come questo:




Praticamente impossibile non prenderlo.
Eppure.
Eppure credo che sotto sotto anche voi abbiate la vostra raccolta di figurine Panini dei calciatori dagli anni '30 a oggi e che ogni tanto abbiate usato la famigerata scusa della collezione di farfalle per attirare da voi l'ingenua ragazza/o.
E non dite di no, perché vi vedo mentre accarezzate il vostro album di francobolli a cui manca solo il Gronchi Rosa.

Che comunque lo quotano fino a mille cucuzze... capito il filatelico

Diciamolo, chi non ha la sua piccola mania?
Si parte con un souvenir, il film di un attore e si finisce per avere la casa invasa da sfere di vetro con la neve.
Che se poi andate a cercare su Internet le collezioni e avete la malaugurata idea di mettere l'aggettivo "strane" potreste passare in rassegna dei pregevoli esempi di umanità.
No davvero, altro che film e fumetti.

Ci sono persone che collezionano il cibo bruciato, l'asfalto, le tavolette del water dipinte.
Ci sono persone che collezionano i giocattoli dell'Happy Meal oppure peni di mammiferi (perché? Mi chiedo perché?? Sul serio...)
Potreste imbattervi nel signor Barker che ama collezionare il prodotto fibroso della frizione dei vestiti sul suo addome (vi invito a cercare Graham Barker per poter apprezzare appieno la perifrasi che ho utilizzato per evitare di schifarvi).
Ci passereste le ore a cercare. Ma anche no.

Continuate a spolverare serenamente le vostre collezioni, quindi, ci sarà sempre qualcuno più strano.
Peraltro, voi cosa collezionate?


Posta un commento

 
Top