World's End, La fine del mondo, è il terzo film in quella che è nota come Trilogia del Cornetto, così chiamata perché in ognuno dei tre film compare uno specifico gusto di cornetto gelato.
I tre film sono diretti da Edgar Wright, da lui scritti in collaborazione con Simon Pegg, il quale interpreta tutte e tre le pellicole insieme a Nick Frost (scatole cinesi insomma).
Per la cronaca, se non li avete visti andateveli a recuperare: Shaun of the Dead, il primo dei tre, è una parodia del genere horror zombie. Hot Fuzz invece prende in giro gli action movie polizieschi americani.
Avete fatto? Bene. Analizziamo l'ultimo dei tre allora.

World's End è una commedia che prende in giro i film di fantascienza, in particolare quelli relativi alle invasioni aliene, sul modello di film quali L'invasione degli Ultracorpi.
Sicuramente è quello che ho apprezzato meno dei tre, ma in parte è quello che ho trovato più profondo per certi versi.
A differenza degli altri due film, qui i personaggi sembrano molto più complessi e più "drammatici", in particolare quello interpretato da Pegg stesso.
Rimane la voglia di fare una commedia e tutti i topoi tipici dei primi due film vengono rispettati, ma c'è una maggiore attenzione alla psicologia dei vari protagonisti e alle interazioni tra di loro.
Sarà che ricordo poco Shaun o Hot Fuzz, ma non mi sembra ci fosse un processo di crescita o una grande analisi delle intenzioni dei vari personaggi.
Forse è questo che mi ha fatto apprezzare meno World's End, perché magari mi aspettavo qualcosa più in linea con gli altri due.

Diciamo che ha molti più livelli di lettura di quello che si possa immaginare a una prima visione.
Vale sicuramente la pena darci un'occhiata e rimane una degna conclusione per una divertente trilogia.


Posta un commento

 
Top