Come molti di voi sanno, ieri notte ora italiana negli Stati Uniti si è tenuto il Super Bowl, uno degli eventi sportivi più attesi in America.
Al di là dell'interesse sportivo che può esserci o non esserci (per chi fosse interessato hanno vinto i Seahawks per 43 a 8 contro i Broncos), il Super Bowl è famoso per gli spot di intermezzo.
Veri e propri gioielli pubblicitari, commoventi alcuni, divertenti altri.
Qui potete vederli tutti, ma nell'articolo sotto si parlerà di tre spot in particolare, ovvero quelli dedicati ai film in uscita: perché su Palp Friction di quello si parla. Poche ciance, si comincia.




Need for Speed
Tasso di attesa: -273,15 ovvero lo zero assoluto
Motivi: sembra l'ennesimo Fast & Truzzo. Gare di auto, polizia, carambole che coinvolgono mille veicoli: niente di particolarmente nuovo. Tanto più che nella mente di tutti, dopo sei film, la trasposizione del videogioco NfS su grande schermo è Fast & Furious. Complimenti per la capacità di sfruttare il momento giusto.



The Amazing Spider-man 2
Tasso di attesa: moderato
Motivi: il primo film con questo Spider-man non mi era piaciuto particolarmente. Sia perché si tornava a parlare di origini, sia perché l'attore non mi ha particolarmente convinto, nonostante sia uno Spider-man mille volte migliore di Tobey Maguire.

Everybody hates Tobey...
Dal trailer questo nuovo Uomo Ragno presenta un problema fondamentale: troppi nemici.
I casi sono due: o avremo un altro mucchio fumante di materia organica come Spider-man 3 (Venom, Green Goblin e l'Uomo Sabbia buttati a caso per scelta di Sony), oppure un film action non indifferente.
Dipende tutto dagli sceneggiatori e, diciamolo, ultimamente gli sceneggiatori americani non sono il massimo.




Transformers: Age of Extinction
Tasso di attesa: King Kong con un branco di gorilla sulle spalle
Motivi: Dinobots. Devo aggiungere altro? Ci sono i Dinobots. E non c'è Shia LaBeouf: questo è ancora più positivo.
Devo ammettere che i primi tre film dei Transformers non mi hanno particolarmente convinto. Il primo mi è piaciuto, soprattutto per la novità, ma non era esente da orrori. Il secondo era pieno di buchi e schifezze (mi chiedo ancora dove siano finiti i due gemelli, spariti improvvisamente dalla sceneggiatura). Con il terzo mi sono addormentato a metà.
Speriamo che Michael "esplosione gratuita" Bay riesca a tirare le fila con questo quarto capitolo.


Posta un commento

 
Top