Torna la settimana del dinosauro, questa volta con un post di curiosità.
Come molti di voi sapranno il termine dinosauro (coniato nel 1842 dal paleontologo Richard Owen) significa lucertola terribile (dal greco δεινός/deinòs, "terribile" o "spaventosamente grande" o "formidabile", e σαῦρος/sàuros, "rettile" o "lucertola"), nonostante non siano lucertole, ma un ordine totalmente separato di rettili.

Ordine di rettili che ha originato i moderni volatili, evolutisi in particolare dal sottordine dei teropodi: la prossima volta che guarderete un pollo, avrete di fronte un diretto discendente di un tirannosauro, o da un velociraptor, molto più probabilmente.
Singolare notare come i teropodi appartengono al gruppo dei saurischi (dinosauri dal bacino di lucertola), contrapposto al gruppo degli ornitischi (dinosauri dal bacino di uccello): in sostanza i moderni uccelli sono un esempio di evoluzione convergente, dovuta a selezione naturale e condizioni ambientali, che ha portato i teropodi ad assumere alcune caratteristiche di quelli che erano originariamente le loro prede.
Sì, lo so è un casino biologico.
Per capirci:


A onore del vero, la classe dei dinosauri è molto più "contenuta" di quanto si crede: i dinosauri sono creature vissute tra il tardo Triassico e la fine del Cretaceo e si tratta di animali terrestri di grosse dimensioni (anche se sono esistiti alcuni dinosauri piccoli o addirittura volanti, come l'Archaeopteryx).
Esempi di rettili confusi con i dinosauri:

Dimetrodonte, tetrapode appartenente all'ordine dei Pelicosauri, un parente dei mammiferi

Microcleido, un esemplare appartenente all'ordine dei plesiosauri, rettili marini. Nessie vi dice niente?

Pterodattilo, appartenente all'ordine degli Pterosauri, rettili alati

Tra i falsi miti attorno ai dinosauri, alcuni studi tendono a indicare il fatto che alcuni dinosauri probabilmente avevano il sangue caldo, in particolare i carnivori, visto lo stile di vita predatorio.
Sempre per questa tipologia di comportamento, si pensa anche che non fossero così stupidi, dovendo avere dei sensi molto sviluppati per poter cacciare.
Certo non risolvevano equazioni differenziali, ma se la cavavano a trovare il pranzo.

Interessante è anche il fatto che dinosauri e mammiferi hanno convissuto nel Cretaceo. Non solo: un piccolo mammifero, simile al diavolo della Tasmania, si cibava di dinosauri.
Il nome è repenomamo, appartenente alla famiglia dei triconodonti:

Lungo più di un metro, pesante più di 14 chili, i fossili sono datati a 130 milioni di anni fa

Dato che questo post potrebbe andare avanti per sempre, chiudiamo con qualche numero e curiosità interessante:
  • Paradossalmente, in termini cronologici, è trascorso meno tempo tra noi e il periodo di vita di un tirannosauro, rispetto a quanto ce ne sia tra il tirannosauro e il brontosauro (o apatosauro che dir si voglia): tra noi e il T-rex ci sono 65 milioni di anni, tra T-rex e brontosauro ce ne sono 85 milioni.
  • Il più grande dinosauro mai vissuto (nonostante non esistano più fossili, perché sembra siano stati persi) è il l'Amphicoelias fragillimus che raggiungeva i 60 metri di lunghezza e le circa 122 tonnellate di peso. Tra i fossili invece confermati e studiati, il primato è detenuto dall'argentinosauro che raggiunge i 30 metri e circa le 100 tonnellate di peso:
Da wiki: in rosso l'Amphicoelias, in viola l'argentinosauro

  • Il velociraptor era un pollo in confronto al cugino, l'utahraptor: con un peso di 680 chili e 7 metri di lunghezza è il più grosso predatore tra i dromeosauridi (che comprendono i velociraptor e i deinonychus) e forse anche il più intelligente. Fun fact: lo utahraptor venne scoperto poco dopo che Jurassic Park arrivò nelle sale. I velociraptor del film erano una rappresentazione fittizia per rendere il tutto più cinematografico: il caso ha voluto che poi esistesse davvero un dinosauro simile. Nei film successivi, in particolare il terzo, la rappresentazione dei raptor è più vicina alla realtà (piumaggio compreso).

  • Tra i carnivori più grandi, il tirannosauro non è certo nella top 3. Il più grosso e cattivo di tutti è lo Spinosauro, che poteva raggiungere fino ai 18 metri e pesare 20 tonnellate (contro i 12 metri per 9 tonnellate del T-rex).
  • Per quanto riguarda i non-dinosauri da record, il liopleurodonte (ordine dei plesiosauri) arrivava fino a 30 metri ed era il più grosso predatore del suo habitat. Tra i rettili alati invece, il quetzalcoatlo raggiungeva una apertura alare di 12 metri: dato il peso di 200 chili e il fatto che vivesse in un ambiente pianeggiante, molti studiosi si domandano come effettivamente facesse a volare.

Come per il post relativo allo spazio di qualche tempo fa, anche per questo post tutte le informazioni sono prese da Internet e verificate per quanto possibile: in caso di errori o novità, segnalatemi pure e provvederò a correggere.

Posta un commento

  1. Il più grande dinosauro mai vissuto (nonostante non esistano più fossili) è il l'Amphicoelias fragillimus che raggiungeva i 60 metri di lunghezza e le circa 122 tonnellate di peso.
    E come si fa a sapere? ti ha telefonato George Clooney dalla barca di Una tempesta perfetta? =p~

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti avrei dovuto precisare che sono andati persi, da quello che ho capito leggendo in giro... edito.

      Elimina

 
Top