Dopo il post relativo al 1984, Arriviamo al 1994 e direi che anche qui c'è una bella lista potente.
Lista che potrebbe iniziare con il film live action di Street Fighter, il cui pregio era quello di finire dopo 102 minuti.

Pulp Fiction



Ma chi si immaginava che avrei messo questo come primo film di questa lista?
Un film che non mi è piaciuto per niente del resto.
Pulp Fiction ha diverse curiosità: ad esempio, cosa c'è nella valigetta di Wallace? Alcuni dicono diamanti, altri droga, addirittura l'anima di Wallace stesso.
In realtà sono due batteria e una lampadina.

Tipo così...
Per chi vuole invece evitare di rovinarsi la magia del cinema, nessuno sa cosa ci sia dentro davvero: sta all'immaginazione del singolo.
Avete poi presente la frase biblica recitata da Samuel L. Jackson? No?



Ecco, in realtà non è tratta dalla Bibbia, ma è prevalentemente inventata da Tarantino.
Si potrebbe anche parlare del fatto che la danza di Mia e Vincent sia un omaggio a 8½ di Fellini o che alcuni dei ruoli siano scritti appositamente per alcuni degli attori, come Mr. Wolf per Harvey Keitel.
Il fatto è che più cerco curiosità su Palp Friction, più ci vorrei fare un post apposito (che sarebbe anche il caso direi).

Léon



Credo tra i migliori film di Reno e sicuramente tra le regie più ispirate di Besson.
Oltre al fatto che è il film di debutto di Natalie Portman che aveva 11 anni all'epoca.

Sempre sia lodata
Tra l'altro Léon è stato scritto in 30 giorni e girato in 90, mentre aspettavano che Bruce Willis tornasse sul set de Il Quinto Elemento: dubito che Besson riuscirà mai a fare di meglio (non me ne voglia).
Rispetto allo script iniziale, manca gran parte di quella che è la relazione amorosa tra Mathilda (Portman) e Léon (Reno): il motivo è la risposta glaciale del pubblico alla visione di prova.
Ciò non vietò a molti pervertiti di scrivere alla Portman all'epoca.
Non credo sia stato piacevole.

Stargate



Uno dei film che ho più volte rivisto da piccolo e che ancora rivedo quando passa in televisione.
Anche questo film ebbe una visione di screening: le recensioni degli astanti furono terribili, principalmente perché la trama non aveva senso.
Decisero così di sottotitolare i discorsi di Ra con informazioni che facessero luce sulla trama. Il risultato? Una delle più grandi sorprese cinematografiche dell'anno.
Certo che lo script originale doveva essere parecchio brutto: lo stesso Spader, che interpreta il Dr. Jackson, ha dichiarato che ha accettato il ruolo solo per soldi.

The Mask - Da zero a mito



Diciamolo senza paura: uno dei più bei film degli anni 90. Beh forse bello è una parola grossa ok, ma sicuramente è da annoverare tra i più divertenti.
In particolare per la scena della conga:



Avete notato i movimenti di Jim Carrey? Beh, grazie alle sue articolazioni sciolte, ha permesso di risparmiare un sacco di soldi in effetti speciali, dato che i suoi movimenti erano già sufficientemente cartooneschi da non necessitare aggiunte digitali.
E altri soldi vennero risparmiati con l'ingaggio di Carrey perché l'accordo fu segnato prima dell'uscita di un altro film epocale, Ace Ventura: l'incredibile successo che ebbe questa pellicola fece diventare Carrey una star da cachet milionari.
Forse non tutti sanno che il film è basato su un fumetto estremamente dark, dove The Mask è tutt'altro che cortese e simpatico: originariamente il film doveva avere gli stessi toni al limite dell'horror, ma fu preferito lo stile scanzonato adatto alla comicità di Carrey.
Ah, in questo film debutta anche Cameron Diaz, che a vedere le foto attuali non è che stia invecchiando proprio benissimo eh, quindi ve la risparmio.
Così come ci saremmo potuti risparmiare il sequel del film, considerato tra i film più brutti mai prodotti, The Mask 2.

Il re leone



Uno dei grandi classici Disney.
Vi siete mai chiesti cosa dicessero all'inizio? Quando parte la canzone Il Cerchio della vita?
Questa per capirci:



Beh, il testo dice:
"Nants ingonyama bagithi Baba / Sithi uhm ingonyama / Nants ingonyama bagithi baba / Sithi uhhmm ingonyama / Ingonyama Siyo Nqoba / Ingonyama Ingonyama nengw enamabala" che parla dell'arrivo di un leone (guarda caso).
Per rimanere sullo swahili, molti dei nomi adottati nel film sono vere parole di questa lingua, alcuni esempi:
  • Rafiki significa amico
  • Pumbaa: ignorante
  • Simba è leone
  • Nala vuol dire dono 
Il Re Leone è, ancora oggi, il film animato tradizionalmente che ha guadagnato di più al mondo: e pensare che venne realizzato dal team secondario della Disney, mentre il team principale era concentrato su Pocahontas (che, diciamolo, non è sto granché).
La storia del Re Leone non è comunque originale: oltre ai chiari riferimenti all'Amleto di Shakespeare, la storia ricorda da molto vicino anche la tradizione religiosa egizia (il triangolo Osiride-Seth-Horus) e soprattutto una storia tradizionale africana, Sundiata (che si traduce per l'appunto Il Re Leone). La storia narra di un principe esiliato che torna a reclamare il regno da adulto, sconfiggendo il malvagio re stregone usurpatore.
Rimane comunque tra i film di animazione più apprezzati di sempre.

Ace Ventura - L'acchiappanimali



Come si diceva poco sopra, Ace Ventura è l'altro film del '94 che ha permesso a Carrey di diventare una star internazionale. Certo nell'88 è uscito Le ragazze della Terra sono facili, ma diciamocelo: non è propriamente memorabile come film.
Tra le scelte iniziali per interpretare il protagonista di questo film c'era Rick Moranis. Come chi? Rick Moranis!
Lui:
Lord Casco
Fu invece scelto Carrey che per interpretare Ace Ventura si rifece a uno sketch della serie comica In Living Color in cui interpretava un uomo gay piuttosto confidente:



Pagemaster - L'avventura meravigliosa


Di Pagemaster avevo accennato qualcosa qui, inserendolo tra i film trash visto il voto bassino che ha ricevuto praticamente in tutto il mondo.
Tuttavia per un giovane e avido lettore all'epoca, questo film era un capolavoro vero.
Tra l'altro è uno degli ultimi film in cui appare Culkin, prima di sparire fino al 2003: che se avessi anche io 17 milioni di dollari in banca smetterei di lavorare.
Ma venendo al film, beh non ci sono praticamente curiosità, il che è strano per un film che ha richiesto tre anni di realizzazione.
Ci sono un sacco di citazioni letterarie però: grazie al popolo direte voi.

Ammetto che gran parte delle menzioni speciali meritavano di stare nella lista qua sopra, molto più di alcuni dei film che ho invece incluso (in particolare l'ultimo qui sopra). Tuttavia, avendo visto questi film solo anni (e anni) dopo l'uscita, li ho un po' esclusi dalla lista amarcord.
Ma veniamo alle menzioni:

Le ali della libertà: un film estremamente potente. Soprattutto la scena finale in cui Tim Robbins striscia nelle fognature verso la sua libertà. Immaginate la puzza? Nemmeno lui, dato che era sciroppo di cioccolato e acqua quello in cui strisciava. Pensate a come sarebbe stato se al posto suo invece ci fosse stato Kevin Costner: purtroppo era impegnato con Waterworld. Si è pentito di aver rifiutato la parte se ve lo state chiedendo.
Forrest Gump: pensate a come sarebbe stato con John Travolta. Agghiacciante. Forrest Gump è un film con molte curiosità: la piuma che si vede all'inizio del film, per esempio, non è interamente fatta con la CGI, ma il suo percorso viene ricostruito in digitale. Ah, tra l'altro Bubba Gump è davvero una catena di ristoranti che cucina solo gamberi (e sono molto buoni).
Intervista col vampiro: non il miglior film di vampiri di sempre, ma ancora decente e privo di esserini luminosi alla luce del giorno. Volete ridere? Tom Cruise stava su una passerella in molte scene, per ridurre il divario di altezza con gli altri attori.
Clerks - Commessi: uno dei primi film di Kevin Smith e sicuramente uno dei più popolari. Figuratevi che Smith ci lavorava nel negozio dove hanno girato e per poter finanziare il film dovette vendere gran parte della sua collezione di fumetti, chiedere prestiti e dare fondo alla carta di credito. Ne è valsa la pena, fosse solo per questa scena:


True Lies: un film di James Cameron che sembra piuttosto atipico nel genere, visto le altre regie che ha firmato. True Lies peraltro è un film di ripiego, perché all'epoca Cameron avrebbe voluto girare un film su Spider-Man.
Sempre parlando di fumetti il personaggio di Spencer Trilby è basato su Nick Fury.
Ma sappiamo tutti perché ci ricordiamo di questo film: ovvero Jamie Lee Curtis che balla.
Il seme della follia: film di Carpenter basato sui racconti di Lovecraft e che prosegue il mito di Cthulhu, la divinità distruttrice con la faccia da polipo. Se non lo avete mai visto, dateci un'occhiata: alla fine vorrete prendere a testate la TV.
Il corvo - The Crow: arriviamo all'ultima menzione speciale, ma non meno importante. Un film maledetto, dove parecchia gente oltre a Brando Lee si è fatta male. E pensare che avrebbe dovuto essere un musical con Michael Jackson.


Posta un commento

 
Top