Non ho scritto "senza spoiler" nel titolo della recensione dato che il principale colpo di scena, forse l'unico di questo film, è già presente nel trailer.
Sapete quanto poco io apprezzi i trailer, o meglio, quanto poco apprezzi chi sceglie cosa far vedere nei filmati promozionali: spesso capita che il reparto marketing del film decida di mostrare le scene più divertenti o addirittura i colpi di scena che renderebbero il film probabilmente epocale.
Questo inevitabilmente porta a valutare il film per quello che rimane, ovvero poco o niente.

Terminator Genisys già parte sotto i peggiori auspici e il tentativo pecoreccio dei markettari per attirare gente al cinema non fa che peggiorare le cose.
Quello che vediamo al cinema è un pasticcio che non vuole essere un sequel, non vuole essere un reboot e sa soltanto quello che non è (tipo Balto).
Dopo Terminator 1 e 2 avrebbero dovuto smettere il franchise, ma hanno insistito proponendoci un film peggiore dell'altro, culminando in questo.
Devo dire che Salvation lo ricordo poco, ma mi è abbastanza evidente in mente il fatto che anche il trailer di quel film rivelasse il principale colpo di scena.

La trama è quanto di più confuso ci possa essere e gli elementi di raccordo sono un sottilissimo filo logico che si strappa continuamente per tutti i paradossi temporali e i buchi logici di cui sono infarcite le due ore di visione.
Arnold porta a casa un paio di scene divertenti e strappa una risata, ma niente più.
Spesso anche gli effetti non sono il massimo (si veda la versione ringiovanita di Arnold, che è una delle cose più finte che abbia mai visto).

In conclusione è un film che va visto a cervello assente, perché anche col cervello spento rimane un'accozzaglia di scene.
Terminator Genisys è un film sbagliato a partire dal titolo grammaticalmente scorretto.

Nota: tralascio volutamente di parlare di Matt Smith e del suo ruolo nel film, perché viene trattato in modo assolutamente ridicolo.

Posta un commento

 
Top